YoungAbout: Una vida mejor

marzo 5, 2009
Una vida mejor

Una vida mejor

Cortometraggio Sez. Professionisti

(A better life), regia di Luis Fernandez Reneo, Distribuzione Promofest, Spagna, 2008, 13’

Basato su una storia vera, il film racconta di una ragazza, della sua sorellina e di un adolescente che lasciano la propria casa in Messico per avventurarsi nel deserto Sonora con la speranza di raggiungere l’Arizona… E’ il miraggio  di una vita migliore a dar loro la forza di affrontare pericoli e sofferenze.
Luis Fernandez Reneo, di Toledo, ha studiato cinema a Los Angeles  dove ha scritto e prodotto due lungometraggi e numerosi cortometraggi,  vincendo premi internazionali
Ha lavorato due anni per la casa di produzione Green Moon Productions di Antonio Banderas. Attualmente ha una propria casa di produzione, denominata Altamira.

Lunedì 9:  Martedì 10

Anteprima Lunedì 9, ore 20:15 Cinema odeon
Replica Martedì 10, ore 9:30 Cinema Odeon

Luis Fernandez Reneo

Luis Fernandez Reneo

Annunci

YoungAbout: L’ Uomo Nuovo

marzo 5, 2009

L’Uomo Nuovo

Cortometraggio Sez. Professionisti

regia di Piero Celli, distribuzione Joe Natta, Italia, 2008, 7’30’’

Stanco della monotonia del mondo moderno e tecnologico, Joe decide di vivere nel bosco ma… deve fare i conti con le vecchie abitudini. Una divertente riflessione sul consumismo.
Piero Celli è un fotografo di professione.

Giovedì 12:  Lunedì 9

Anteprima Lunedì 9, ore 18:15 Cinema Odeon
Replica Giovedì 12, ore 9:30 Cinema Odeon


YoungAbout: 32A

marzo 5, 2009
32A

32A

regia di Marian Quinn, Irlanda, Germania, 2007, 89’

1979. Maeve, tredici anni, vive a Dublino e frequenta una scuola cattolica. La sua è una famiglia unita, i genitori sono attenti e autorevoli. Ha tre amiche del cuore, Ruth, Claire, Orla con cui trascorre le giornate e divide ogni emozione e confidenza. Il loro problema più grande sembra essere quello di indossare dei reggiseni che valorizzino le loro forme ancora acerbe… Maeve sta cambiando, il suo corpo si trasforma, anche le sue sensazioni incominciano ad allarmarla. E’ immersa in quella fase della vita in cui non si è più bambini e nemmeno adulti. Eppure la tentazione di bruciare le tappe e mettersi in gioco a volte è forte. Innamorata di un ragazzo più grande, non esita, per seguire lui, a trascurare, per alcuni giorni, le amiche del cuore…Queste si sentono tradite e sono molto deluse da lei.  Maeve scopre presto l’ipocrisia del giovane amico e l’importanza del rapporto con le tre compagne di scuola.

Giovedì 12:  Lunedì 9

Anteprima Lunedì 9, ore 18:15 Cinema Odeon
Replica Giovedì 12, ore 9:30 Cinema Odeon

Regista:

Marian-Quinn

Marian-Quinn

Marian Quinn è nata nel 1964 nell’Illinois, Stati Uniti. La sua è una famiglia (d’origine irlandese) di artisti, i suoi fratelli ricoprono vari ruoli lavorando per il teatro e il cinema e infatti il bravo attore Aidan Quinn (nel film è il padre di Maeve) è suo fratello. Marian è attrice di cinema, teatro e televisione, ha scritto e diretto il cortometraggio Come to (1998) e il film 32 A.


YoungAbout: Armin

marzo 5, 2009
Armin

Armin

regia di Ognjen Sviličić, Croazia, 2007, 92’

scena dal film ArminIl titolo del film è dedicato al tredicenne Armin che parte con il padre Ibro da un villaggio della Bosnia per andare a Zagabria con la speranza di sostenere un provino per un ruolo in un film tedesco sulla guerra nel’ex Jugoslavia. Il provino ha un esito negativo, il regista chiede allora la collaborazione dei due alla realizzazione di un documentario. Ma l’incanto per il mondo del cinema nel frattempo si è volatilizzato. Armin è un film che indaga, con pudore e delicatezza, il rapporto d’amore tra un padre e suo figlio. L’uomo vuole offrire al ragazzo l’opportunità di migliorare la propria vita e di esprimere il suo talento creativo: la fiducia cieca nei miti occidentali lo spinge ad affrontare un viaggio e una prova che il suo Armin “deve” assolutamente superare. Il ragazzo che ama la musica più del cinema, ansioso e scettico, segue controvoglia il padre, soprattutto per non deludere le sue aspettative. La scelta finale del protagonista adulto ricorda il film Bellissima di Visconti.

Lunedì 9:  Martedì 10

Anteprima Lunedì 9, ore 20:15 Cinema Odeon
Replica Martedì 10, ore 9:30 Cinema Odeon

Regista:

Ognjen Svilici

Ognjen Svilici

Ognjen Sviličić è nato a Spalato nel 1971. Ha esordito nella regia collaborando alla realizzazione di alcuni episodi di Serie televisive, con un buon successo di critica. Per il cinema ha lavorato inizialmente come co-sceneggiatore o aiuto-regista. Il suo primo successo d’autore è stato il film Sorry for Kung Fu presentato al Festival di Berlino. Anche Armin proiettato nella sezione Forum della Berlinale nel 2007, ha ottenuto numerosi riconoscimenti in diversi Festival.


Speciale Young About

marzo 5, 2009
Young 2009

Young 2009

Biglietti Cinema Odeon, euro 5,00

Accredito Youngabout, euro 25,00

L’accredito da diritto all’ingresso a tutte le proiezioni fino ad esaurimento posti e potrà essere ritirato dal 2 marzo, ore 17:00-19:00, presso il Voltone del Podestà, 1/L (Piazza Maggiore)

Tutti i film sono in versione originale con sottotitoli in italiano

YOUNGABOUT
cell +39 345 2125230 oppure +39 333 3693539
e-mail youngabout@libero.it

OSPITALITA’
Bologna Incoming
tel 051 6335093
e-mail prenotazioni@bolognaincoming.it

Ufficio Stampa Pepita Promoters snc
tel 051 2919805 cell +39 347 0352011

1 Cinema Odeon: Via Mascarella 3, tel 051 226706
2 La Scuderia: Piazza Verdi 4, tel 051 6569619
3 Quartiere San Vitale: Vicolo Bolognetti 2, tel 051 276111 Sala del silenzio

YOUNGABOUT

Se proviamo a far scorrere sotto il nostro sguardo attento e partecipe le immagini dei lungometraggi e dei film brevi che compongono il programma del Festival Youngabout non possiamo non rimanere coinvolti, anzi travolti dalla molteplicità delle situazioni, dal groviglio di vite vissute o appena accennate. Profili di esseri che non si lasciano incasellare in rigide categorie anagrafiche, mutevoli, contraddittori, dove, a volte, l’indecisione è un temporeggiare istintivo, in attesa che le trame delle proprie esistenze prendano forma.
Da questi film è possibile trarre una forza illuminante e consolatrice: racconti essenziali, semplici, crudeli, barocchi, oscuri, limpidi, ridenti, con un nucleo poetico pulsante, compenetrato ad un giudizio morale che respira e vibra in ogni immagine. I volti di ragazze e ragazzi, protagonisti coraggiosi di storie spesso narrate in prima persona, si imprimono indelebili nella nostra memoria di spettatori partecipi. Nella sventura e nella malattia, nell’informe, ripetitiva quotidianità, nel dipanarsi di abitudini consolidate, nella felicità inconsapevole e involontaria, c’è un forte desiderio di redenzione e rinascita, una volontà di ripartire verso nuove sperimentazioni.
In questi film se il mondo adulto appare sfiduciato, conservatore, egoista, chiuso nell’autosufficienza e nell’apatia, quello di chi si affaccia alla vita, se pur non uniformemente, appare animato dal desiderio della libertà dai condizionamenti, dalla volontà di autoaffermazione, dall’aspirazione ad affrancarsi dal peso dei pregiudizi. Nulla è prevedibile nelle trame raccontate, né le storie sono patinate narrazioni consolatorie. La fantasia non è bandita, né la voglia di avventura è mortificata: trova solo nuovi linguaggi per esprimersi, nuove immagini e parole per essere comunicata.
Dal 9 al 14 marzo 2009 saranno presentati, a Bologna, in prima visione nazionale numerosi film tra cortometraggi e lungometraggi provenienti da diversi Paesi europei ed extra europei.
Quasi duecento i cortometraggi pervenuti da numerosi Paesi europei: Austria, Germania, Francia, Inghilterra, Portogallo, Spagna e Svezia e naturalmente da diverse regioni italiane: un’ammirevole partecipazione e una grande generosità da parte degli autori che hanno inviato le proprie opere.

In altri post verranno messe le schede dei film