Earth- La nostra terra

gennaio 8, 2009
Terra

Terra

Earth- La nostra terra

6-7 aprile ore 9,30

presso: Cinema Arlecchino di Bologna

dai 9 ai 99 anni
Earth- La nostra terra regia di Alastair Fothergill, Mark Linfield, GB, Germania, 2007, 98’, 35 mm (Per gentile concessione della Disney). Il film narra, grazie a inquadrature e sequenze indimenticabili, filmate in alta definizione, il viaggio della vita attraverso le stagioni

Partendo, durante l’inverno, da una zona distante 700 miglia dal Polo Nord, Earth compie un percorso, per cielo e per terra, fino alla penisola Atlantica. Un movimento epico, appassionante, imprevedibile, spaventoso e affascinante, filmato dal punto di vista di personaggi chiave. Quello di una famiglia di orsi polari, alle prese con lo scioglimento dei ghiacci, di una mamma elefante e del suo piccolo che viaggiano alla ricerca dell’acqua nel deserto del Kalahari, della balena che con il suo balenottero compie lunghe migrazioni alla ricerca di cibo.


Le esistenze degli animali sul nostro Pianeta sono dominate dall’annuale percorso del sole dal Nord al Sud. Grande risalto viene dato al tema del riscaldamento globale.
Sono stati necessari cinque anni per effettuare le riprese del documentario e un impressionante impegno finanziario che ha coinvolto la BBC Worldwide e Greenlight Media.

Earth è un ritratto aggiornato dello stato del nostro Pianeta, del suo splendore e della fragilità degli ecosistemi. Un ultimo appello affinché l’uomo eviti alla sua madre-terra ferite irreparabili

Visitate il sito


Runaway Railway

gennaio 8, 2009
Runaway Railway

Runaway Railway

Runaway Railway

30-31 marzo ore 9.30

presso: Cinema Arlecchino di Bologna

a partire da 7 anni
Runaway Railway ( Fuga sulle rotaie), regia di Jan Darnley-Smith, GB, 16 mm, 1965, 55′ (Copia proveniente dal British Film Institut), prodotto nell’ambito del progetto dei Children’s Film FoundationQuattro ragazzi innamorati dei treni e delle ferrovie lottano perché la vecchia locomotiva “Matilda” sia salvata dalla rottamazione

Abitano in una frazione di campagna, negli anni in cui il governo inglese sceglie di “tagliare i rami secchi”, riducendo le linee ferroviarie secondarie, con il risultato di suscitare sconcerto e disapprovazione tra i passeggeri.I quattro protagonisti si dedicano con passione alla manutenzione della locomotiva che è alloggiata in un deposito. Per una serie di circostanze la locomotiva viene messa in moto e i ragazzi danno ospitalità a due misteriosi personaggi che si dichiarano amanti dei treni e benefattori. In realtà sono dei ladri e hanno intenzioni malvagie. I ragazzi non si perdono d’animo e, con il treno lanciato a folle velocità, combattono una battaglia contro i malviventi


The clue of the missing ape

gennaio 8, 2009
The clue of the missing ape

The clue of the missing ape

The clue of the missing ape

24-25 marzo ore 9.30

presso: Cinema Arlecchino di Bologna

a partire da 7 anni
The clue of the missing ape ( Il caso della scimmia scomparsa), regia di James Hill, GB, 1954,55′, 35 mm. (Copia proveniente dal British Film Institut), prodotto nell’ambito del progetto dei Children’s Film Foundation.Un giovanissimo cadetto della marina della Gran Bretagna, come premio per aver salvato la vita di un pilota d’aereo, viene da questi invitato a visitare Gibilterra

Un luogo, per il ragazzo, misterioso e affascinante: l’incontro con una coetanea, a sua volta figlia di un altro pilota inglese, di stanza a Gibilterra, lo porta a perlustrare il territorio e ad essere il protagonista involontario, tra inseguimenti e colpi di scena, di una storia di spionaggio e tradimenti


Son of Rambow

gennaio 8, 2009
Son of Rambow

Son of Rambow

Son of Rambow

24-25 febbraio ore 9.30

presso: Cinema Arlecchino di Bologna

a partire da 10 anni
Son of Rambow, regia di Garth Jennings, GB, Francia, Germania, 2007, 95’ 35 mm.Will è un ragazzino di 11 anni, timido e delicato, vive con la mamma, la sorellina e la nonna… Grazie ad un compagno di scuola scopre l’amore per il cinema

son_of_rambow_filmstill1

Will è un ragazzino di 11 anni, timido e delicato, che vive con la sorellina, la nonna e la mamma nell’Inghilterra dei primi anni ‘80. La sua esistenza, come quella dei suoi familiari, procede secondo i rigidi dettami della setta religiosa Brethren: è vietata la visione dei programmi televisivi, la frequentazione dei cinema così come è proibito l’ascolto della musica. Lee è un compagno di scuola maleducato e prepotente che, inizialmente, prende a tormentarlo. La comune visione del film Rambo e la passione per il cinema “agìto” creano un ponte imprevedibile tra i due ragazzi e permettono il superamento delle difficoltà e delle differenze. I due ne combinano di tutti i colori, nel tentativo di girare un film.La storia è narrata con un forte sense of humour e impreziosita da dialoghi frizzanti

son_of_rambow_uk_review


The dog and the diamonds

gennaio 8, 2009

dogandthediamonds

The dog and the diamonds

2-3 febbraio ore 9,30

presso: Cinema Arlecchino di Bologna

a partire da 6 anni
The dog and the diamonds (Il cane e i diamanti), regia di Ralph Thomas, GB, 1953, 55’, 35 mm. (Copia proveniente dal British Film Institut), prodotto nell’ambito del progetto dei Children’s Film FoundationUn gruppo di bambini vive in un condominio dove è vietato ospitare animali domestici

Note
Selezionato dal Festival di Venezia edizione 1953, vinse il primo premio come miglior lungometraggio nella sezione ragazzi.Un gruppo di bambini vive in un condominio dove è vietato ospitare animali domestici… I ragazzi si divertono ad infrangere queste regole, escogitando ingegnosi stratagemmi. Un giorno, per sentirsi più liberi, decidono di trasformare una villa disabitata nel loro piccolo “zoo”. Per una strana coincidenza anche tre ladri scelgono di nascondersi nello stesso edificio. Lo scontro con i giovani occupanti è inevitabile.

Ralph Thomas nacque nella città di Hull, in Inghilterra, nel 1915. Incominciò a lavorare giovanissimo nel cinema come comparsa. A partire dal 1934 lavorò come giornalista. Dopo essere stato arruolato nell’aeronautica durante la Seconda Guerra Mondiale, nel primo dopoguerra entrò a far parte della scuderia dei registi della Rank Organisation. Fu autore prolifico di numerosi film di successo. Lanciò il grande attore Dirk Bogarde e lo diresse in nove lungometraggi. Thomas morì a Londra nel 2001


Tales of the riverbank

gennaio 8, 2009

tales-small

Tales of the riverbank

27-28 gennaio ore 9,30

presso: Cinema Arlecchino di Bologna

a partire da 4 anni
Tales of the riverbank ( I racconti del fiume) , regia di John Henderson, GB, 2008, 89’, 35 mm.I porcellini d’india, Hammy, Roderick e GP, abitano lungo la riva del fiume

I porcellini d’india, Hammy, Roderick e GP, abitano lungo la riva del fiume. La storia ha inizio quando una tempesta sortisce l’effetto di far incontrare i tre personaggi principali, che, travolti dalle acque, vedono distrutti i loro amati rifugi. Nella speranza di tornare a casa si mettono in cammino. Ma è solo l’incipit di un’affascinante avventura.Il gruppetto di amici deve scontrarsi con gatti malvagi che, gestendo in modo maldestro una fabbrica, attentano alla purezza delle acque del fiume. Lungo il loro percorso iniziatico incontrano altri personaggi, eccentrici e simpatici, come la pulce di un circo, la psicologa Betty e la bella attrice Sonia.Le difficoltà del viaggio renderanno i tre amici più autonomi, maturi e consapevoli: è grazie alla collaborazione fraterna e all’amicizia che si riesce ad affrontare con successo le situazioni più complesse.Il film riprende il racconto di un’omonima serie televisiva di successo che è stata trasmessa in Inghilterra e in Canada, a partire dagli anni ’60, per due decenni. Realizzato con tecnica mista, con l’animazione di pupazzi, live action ed effetti speciali


Io e Anita (Anita and me)

luglio 8, 2008

Io e Anita (Anita and me)

regia di Metin Hüseyin, Gran Bretagna, 2002, 92′(Lungometraggio) (indicato per III media, scuole medie superiori, età 13+)

1970. Periferia di una città inglese. Meena ha dodici anni ed è immigrata insieme ai suoi genitori dall’India. Frequenta le scuole inglesi, parla bene la lingua, scrive un diario. Meena ha un’amica più grande, inglese, bionda, alta, disinibita… Meena l’ammira e vorrebbe essere come lei… Ma al di là delle apparenze, Anita, la sua amica, non è la ragazza perfetta che lei immagina. Meena è combattuta: non sa se seguire gli insegnamenti e i precetti dei suoi genitori, o il modello rappresentato dalla sua amica, in perfetta antitesi con le tradizioni a cui sono ancorati i suoi familiari. La storia di un’amicizia con i suoi alti e bassi e anche di una crescita e di una maturazione.
(Presentato al Festival Cinekid 2003 di Amsterdam)